Una grande grossa risata europea

Un riflessivo :Una matrona tedesca, uno pseudo-galantuomo francese, una schiera di
soldatini armati di penne, microfoni e lingua tagliente..una grassa e sana,
-o insana fate voi-, risata.
L’Europa ride? Si dovrebbe esser contenti?
peccato che si parli di Berlusconi, o meglio, peccato che questo
nome sia diventato sinonimo di Italia, questa a sua volta sia diventata
sinonimo di risate barzellette e mignotte.

Un cinico: ma perchè continuate con questi moralismi?
Io dico che siete tutti dei bacchettoni, dei bigotti.
Sapete che vi dico a voi finti burattini del perbenismo?…
Basta!! viva le puttane, viva le risate, l’evasione, gli inciuci viva quel delinquente del presidente..e chi più ne ha più
ne metta. In fondo la civiltà di un popolo si basa anche sulla
capacità di questo di saper fare auto ironia. Ma sapete perchè quel presidente continua ad essere rieletto? Perchè ride e fa ridere, fa scopare e fa evadere. Altro che chiacchiere!!!

Un riflessivo: E no caro!! non diciamo boiate!!
Un conto è fare dell’autoironia, un’altro è essere derisi dal mondo.. non credi sia il contrario, che sia proprio la derisione di un popolo a delegittimarlo?
Se l’Europa sapesse che quel popolo lo vota proprio perchè è un istrione..allora la loro risata si trasformerebbe improvvisamente in un pianto amaro..

Martin

Precedente UN RACCONTO SENZA VELI Successivo Il centauro dalle ginocchia impolverate