Strata: un dialogo tra vecchi tempi e nuovi spazi

Strata #2 – Excerpt from Quayola on Vimeo.

Strata #3 – Excerpt from Quayola on Vimeo.

I due video fanno parte del progetto del video artist romano Quayola. La sua opera vuole creare un dialogo tra le più antiche forme d’arte e l’ odierna estetica digitale.
Vediamo allora le vetrate gotiche di Notre Dame che, frantumandosi, iniziano a generare delle forme, legate alla vetrata da rapporto simbiotico. In sottofondo una musica accompagna questa danza delle forme e dei colori che strutturano e destrutturano l’ambiente stesso.
Il secondo video  è ambientato nella cupola del teatro di Bordeaux: uno spazio in cui le forme armoniche di una rappresentazione idilliaca si frangono, creando la rottura degli spazi e continui scivolamenti di piani, fino al generarsi di un buco nero. Anche in questo video il sottofondo  musicale gioca sulla rottura delle iniziali armonie, contemporaneamente alla rottura degli spazi interviene il suono digitale, quello disarmonico.
Il progetto si chiama “strata”, parola di utilizzo geologico che etimologicamente trae la sua origine dal latino “stratum”, ossia lastrico, pavimentazione ecc… in questo caso stratificazione generata e dialogate

canale vimeo di Quayola
http://vimeo.com/quayola

Martin

Arte , , , , ,

Informazioni su Martin_oig

Il mio nome è Michele Porcelluzzi, sono uno studente e appassionato di storia dell'arte con l'hobby della scrittura (tra i tanti). Mi piace scrivere -ahimè- di cattiva conservzione del patrimonio culturale, storia dell'arte, cultura in generale, letteratura, segnalazione di eventi, segnalazione di artisti ecc.. Il campo in cui mi muovo per passione è soprattutto il Seicento, il secolo di Caravaggio, Bernini e molti altri. Tuttavia adoro e amo davvero tutta l’arte, dai graffiti rupestri alla Merda d’artista contatti: http://martin-oig.blogspot.it/

Precedente La man che forme angeliche dipinge: Guido Reni Successivo Le pietre parlanti

2 commenti su “Strata: un dialogo tra vecchi tempi e nuovi spazi

I commenti sono chiusi.