La Valle dello Jato

In questi giorni a Bologna va in scena il Biografilm Festival, dove a ritmo frenetico ti imbatti in tre o quattro storie incredibili al giorno, e puntualmente ogni notte torni a casa con gli occhi lucidi e l’animo sbalordito. Solitamente però le migliori storie sono sempre lì, a chilometri di distanza dal nostro mondo, dalla nostra vita che non ti resta molto più di un ricordo, un bel ricordo. Ma a volte, molto più spesso di quanto ti aspetti, certe vite ti colpiscono più forte perché avvengono sotto i tuoi occhi e non te ne accorgi, accadono in casa e sono veramente incredibili.

Ieri è capitato con la storia di Pino Maniaci e la sua Telejato in Sicilia. Il giornalista che da diversi anni denuncia con nome e cognome le attività mafiose della sua terra, senza paura, come lui stesso afferma nel documentario La valle dello Jato. L’occhio è quello di due registi non siciliani e persino residenti in Inghilterra, un occhio fresco e lontano da quelle dinamiche che proprio per questo riesce a soffermarsi sul personaggio, sulla sua vita, sui retroscena di una emittente a conduzione familiare, e lascia a noi spettatori coglierne il senso, giudicarlo eroe o folle, persona comune o straordinaria.

Trailer La Valle dello Jato

(UK/Italia, 2012, 67′) di Caterina Monzani e Sergio Vega Borrego
Nella valle dello Jato, nel cuore della Sicilia, la presenza mafiosa è visibile e ingombrante. Pino Maniaci, giornalista autodidatta, ogni giorno va in onda con il suo telegiornale su Telejato. Emittente locale, a conduzione familiare, Telejato è un vero e proprio strumento di denuncia sociale: si fanno nomi e cognomi dei più pericolosi boss della criminalità organizzata. Più volte vittima di attentati e atti intimidatori, Pino Maniaci non si è mai arreso e continua a essere un punto di riferimento per la popolazione locale. La sua, infatti, non è una lotta solitaria: spesso i cittadini, le associazioni e i sindacati gli hanno dimostrato la loro solidarietà, per esempio con l’iniziativa “Siamo tutti Pino Maniaci”.

 

Precedente Paesaggio: Scala dei Turchi senza ecomostro (video) Successivo A punk prayer