LA PUGLIA “RADICALE”

Una realtà: un collettivo di improvvisatori, una grande famiglia di artisti. Il panorama pugliese straripa di voglia di fare, di voglia di creare magie. Loro sono la Puglia ed “oltre” e per questo li ho scelti, perché chi decide di superare i limiti con serietà e passione non può che portare innovazione sana. La terra degli artisti è tutta qui e la ricchezza delle nostre radici si chiama :” MEDITERRANEO RADICALE”.

Un progetto fondato da Pasquale Calò (sax) e Fabrizio Savino (chitarra) nel 2009 che prevede ” la collaborazione tra artisti improvvisatori attivi nelle diverse vie di espressione artistica (musica, danza, teatro, circo contemporaneo, visual, pittura, poesia) attraverso le infinite possibilità e linguaggi offerte dall’improvvisazione radicale interdisciplinare”. Nessun linguaggio predefinito, solo artisti dis-adattati che decidono di fare un’unica scelta : condividersi per ricercare nell’ambito della destrutturazione degli spazi e degli uditi, il proprio essere radicali. Una manifestazione artistica che coinvolge, (e non “rappresenta”) in un ensemble energico, pubblico e artista, in un unico momentum artistico, in un unico “volume”. Un’epifania di momenti irripetibili; ogni esibizione vissuta come esistenza.

Un progetto che non ha tempo e scadenze, è uno stile di vita quello di M. R. che vuole fare dell’espressione artistica la propria vita. La Puglia è radicale, ci mette le proprie origini per innovarsi, e M. R. fa questo, diventando un grande ritrovo per la libertà espressiva.
Il Collettivo è un seguito di artisti in continuo movimento, in continua sperimentazione e in continuo viaggio per l’Italia. Dalla Puglia a mete come Torino, Bologna,e oltre, in un discorso che abbracci quante più “mani” possibili, e apra il proprio circuito a chiunque intenda proporre la propria espressione d’arte. C’è il sentore di quelle esperienze ben vissute all’estero, ma la realtà di un’esperienza, questa, che parte dal sud Italia( e questo non può che renderci pieni di soddisfazione) . Niente di precostituito, nessuna logica commerciale, nessuna strada consigliata, solo un invito a “esprimersi”. Ed è proprio questo quello che si legge aprendo la pagina facebook del Collettivo : un “Bollettino di Mediterraneo Radicale”, che ha tutto il sapore di quei manifesti artistici, oggi passati di moda. Il punto 3 mi fa riflettere:

” Mediterraneo Radicale è ricerca di un linguaggio che possa identificare il collettivo stesso, e che trovi fondamento nella condivisione degli spazi e dell’operato in ambito artistico degli artisti di questa terra. Tale ricerca avviene mediante l’improvvisazione radicale”

Ci si scambia quattro “note” e ci si conosce, si condividono pensieri , si litiga, ma solo con le note, con i gesti, con il linguaggio artistico. La condivisione di spazi e operato per il semplice fatto di essere artisti, nessun’altra logica.

Ricordo con piacere la prima volta che, entrando in una chiesa gotica di Bari, mi immersi nell’ebbrezza di questa sinfonia collettiva. Stordita felicemente, come dopo aver bevuto un bicchiere di buon vino, e affascinata dal contatto con realtà che questa generazione vuole assaporare. Tra una foto e l’altra, e l’orecchio in estasi, ricordo una moltitudine di mani intente a pecuotere qualsiasi cosa producesse suono, sguardi impegnati e gesti danzanti. Un discorso strumentale, un confronto generazionale di un sax che parla ad un sinth. La lingua umana cessa, il silenzio delle nostre parole per cedere la parola a ben altro “linguaggio umano “.

Mediterraneo Radicale è tutto quello che crediamo non si possa fare qui, eppure è finora il primo collettivo in Europa a muoversi nella direzione dell’improvvisazione radicale interdisciplinare. Al momento collabora con Berlino e Londra per la formazione di una rete tra i vari collettivi europei, da quest’anno attivi anch’essi in tale direzione. Mediterraneo Radicale è attualmente attivo in Puglia, Piemonte, Emilia Romagna, Berlino.

Per chi volesse sapere cosa è ” Mediterraneo Radicale” basta seguire gli appuntamenti delle prossime rassegne che proseguiranno di pari passo a sessioni di registrazione. Let’s radical!

Vanna

Calendari degli appuntamenti: http://www.facebook.com/events/171811682913694/

http://www.facebook.com/events/174916769266775/

Contatti: http://www.facebook.com/mediterraneoradicale

 

Precedente Canne: con la cultura non si mangia. Successivo La cupola di Santa Maria del Fiore, da Vasari a Zuccari

3 commenti su “LA PUGLIA “RADICALE”

I commenti sono chiusi.