Gli ulivi per i pugliesi

288274_10150344330028140_4138585_o
Mi piace il fatto che ora siete tutti con la Puglia e i suoi ulivi, un po’ come quando siete con la Puglia quando vi volete fare un bel bagno e ballare in spiaggia, però vorrei raccontarvi cosa sono veramente gli ulivi per i pugliesi e vorrei che lo facessero tutti, che non sia solo un servizio televisivo ad accendervi il cuore…

 

Gli ulivi sono la nostra scenografia di vita,

segnano l’uscita dalle città di cemento,

la giornata da campagna,

per me in particolare, l’arrivo a casa.

Sono lì a ricordarci che questa terra esiste da tempo, ed è forte.

Forte, come un ulivo che ci teneva su da bambini, quando cercavamo di arrampicarci,

forte come gli uomini e le donne che se ne prendono cura, che li incroci a fine estate mentre torni dalla baldoria notturna e loro sono pronti per andare in campagna, sono pronti per darti quell’oro fuso.

Forte come l’odore dei frantoi, come il gusto di un pane e pomodoro che non avrebbe senso senza il nostro olio.

 

Gli ulivi sono belli, le mie prime fotografie le ho fatte a loro, che mi sembravano belli come la bellezza di mia nonna che ride e le si accentuano le rughe.

 

Saremmo stati bambini cresciuti in modo diverso senza i nostri ulivi, saranno adulti diversi i bambini di oggi senza i testimoni della nostra terra.

 

Precedente Giornata mondiale dell'autismo: le nuove sfide della ricerca Successivo Tra fasti ottomani e Bella Epoque. A Firenze l'arte di Fausto Zonaro